Home > Argomenti vari > Esplosioni demografiche.

Esplosioni demografiche.

8 Giugno 2007


L? Himantopus himantopus, (Cavaliere d?Italia) nidifica nelle lagune dell?Alto Adriatico, nelle zone umide dell?Emilia Romagna, Toscana, Sardegna, Sicilia, Puglia e nelle risaie del Piemonte e della Lombardia. La popolazione nidificante in Italia viene stimata tra 3.100 e 3.900 coppie circa, per il 1995 ? 1999. In provincia di Rovigo arriva nel mese di marzo, nidifica e sosta fino a settembre ? ottobre. La riproduzione avviene nei mesi di maggio e giugno con modeste variazioni temporali dovute alle condizioni climatiche ed allo status dei singoli individui. La nidificazione è stata osservata in diversi aree ricadenti soprattutto lungo il corso del Po, nel Delta e in maniera minore lungo il Canal Bianco. Quasi tutte le valli del Delta del Po sono interessate dalla riproduzione del Cavaliere d?Italia. Quelle con le popolazioni più elevate sono risultate: Vale Sagreda (15 coppie), Sacchetta (40 c.), Bagliona (15 c.), Cà Zuliani (12 c.). Le vasche dello zuccherificio di Contarina (Porto Viro) costituiscono un ambiente particolarmente frequentato (20 coppie).Almeno fino alla fine del XIX secolo era considerata come specie rara e non nidificante. Complessivamente la popolazione nidificante in provincia di Rovigo non dovrebbe superare le 200 coppie.
Tratto da ?Atlante degli Uccelli nidificanti in provincia di Rovigo? ? Provincia di Rovigo -.

Leggendo e rivedendo questi dati resto stupito dall?esplosione demografica che questa specie ha avuto ultimamente nel Delta del Po contando recentemente in una risaia adiacente l?Oasi di Cà Mello (Porto Tolle ? RO – ) 14 nidi, altri 3 in Valle Veniera e 25 individui più tre pulcini nelle vasche dello zuccherificio di Porto Viro, altri 6 individui nella laguna del Barbamarco in località Boccasette Lido, un?altra coppia nella Golena di Cà Pisani, una coppia anche nei pressi di Volta Grimana (Porto Viro).

protezione esistente:
- a livello U.E. ?
Specie inserita in allegato 1 della Direttiva CEE 79/409 del 2 aprile 1979, concernente la conservazione degli uccelli selvatici.
- a livello internazionale -
Specie inserita in Allegato 2 (inerente le specie faunistiche rigorosamente protette) della “Convenzione sulla conservazione della vita selvatica dell?ambiente naturale in Europa”, adottata a Berna il 19 settembre 1979.
Specie inserita in Allegato 1 (inerente le specie minacciate) della “Convenzione sulla conservazione delle specie migratorie appartenenti alla fauna selvatica”, adottata a Bonn il 23 giugno 1979.
- a livello nazionale -
Specie specificatamente protetta dall?art. 2 della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 ?Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio?.

Riferimenti: Ph. N.Donà

I commenti sono chiusi.